HOME     CHI SIAMO     LINK     NEWS     CONTATTACI

"Il Feng Shui entra in ufficio"

UFFICI PER INFORMATICA
Roma 2003

In collaborazione con l’architetto Luigi Izzo. Il Consolidamento strutturale del solaio dell’auditorium è stato effettuato dall’arch. Giuseppe Picchi.

L’intervento ha interessato un capannone industriale costruito negli ultimi anni cinquanta. Precedentemente il fabbricato veniva utilizzato per la lavorazione di prodotti ottici, ed è rimasto poi in disuso per diversi anni.

La ristrutturazione è stata commissionata da una ditta che si occupa di computer, impianti telefonici, comunicazioni e Call Center che aveva intenzione di trasferire la sede aziendale. La struttura avrebbe dovuto accogliere circa 100 persone tra impiegati e tecnici; tra questi molti collaboratori giovani.

L’intervento richiesto dalla committenza si prefissava obiettivi di praticità e flessibilità, nonché la realizzazione di un ambiente di lavoro confortevole e antistress. Ove possibile, sono stati introdotti nel progetto elementi di bioedilizia nell’ottica del risparmio energetico e si sono utilizzati materiali naturali e biocompatibili, cercando anche di creare un’integrazione tra gli spazi esterni destinati a verde e i locali interni, nella ricerca ottimale del rapporto ambiente/uomo, organizzando i luoghi di lavoro secondo le indicazioni del Feng Shui (segno evidente riscontrabile anche dalle diverse colorazioni delle pavimentazioni e nella dislocazione delle varie funzioni).

Il progetto iniziale, prevedeva un riscaldamento a pavimento per tutti gli ambienti con l’utilizzo di pannelli solari e fotovoltaici assistiti da una caldaia ad accumulo, con il raffrescamento garantito mediante una ventilazione interna realizzata dall’apertura di lucernari collocati sulla copertura con funzione di camini di tiraggio, in abbinamento ad una grande apertura sul solaio in cui si prevedeva di collocare una una scala elicoidale di collegamento tra il piano terra e il primo piano. Detta apertura, aveva la funzione, nel periodo primaverile ed estivo, di trasmettere l’aria notevolmente più fresca del piano terra a quella del primo piano, ed inoltre aria più fresca prelevata da bocchette di entrata poste nella facciata esposta a nord sarebbe stata immessa nei locali interni. Purtroppo, problemi di tempi di realizzazione e di costi, hanno modificato e ridotto alcuni buoni propositi del progetto iniziale, ma l’intendimento della committenza è comunque di realizzare successivamente tutto il progetto.

L’intervento è consistito nella ristrutturazione totale del fabbricato, trovato in un forte stato di degrado e con gravi problemi di infiltrazioni di acqua sia piovana che di risalita dal sottosuolo, e nell’adeguamento dell’edificio alle nuove funzioni e alle normative vigenti, in particolar modo sulla prevenzione antincendio e sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.

Sono state quindi inserite scale antincendio, è stata adeguata l’altezza delle balaustre dei terrazzi alle normative vigenti, è stata consolidata parte dei solai; e sono stati smaltiti tutti gli elementi in Eternit esistenti.

I problemi relativi alla forte insolazione dei locali con finestre esposte a sud e il riverbero della luce sugli schermi dei computer sono stati affrontati prevedendo schermature alle finestre a basso costo di realizzazione.

Gran parte dello spazio del piano terra è stato destinato a magazzino e a laboratori di riparazione, per adeguamenti relativi alla normativa antincendio è stato realizzato un corridoio che separa il magazzino sia dai laboratori che dai servizi, avente accesso mediante porte comandate elettronicamente in caso di incendio.

Le linee guida della progettazione hanno portato alla trasformazione del capannone industriale da contenitore scatolare a struttura aperta, dinamica, funzionale, ricca di percorsi e prospettive interne proiettate anche all’esterno attraverso la realizzazione del giardino pensile sulla terrazza esposta a nord.

La bussola vetrata realizzata interamente in vetromattone, con doppia porta, introduce nella Hall, pavimentata a vari colori secondo lo schema del Feng Shui, in cui è collocato il banco informazioni, immette negli uffici e nei laboratori tecnici situati al piano terra, mentre un ascensore e la scala rivestita in legno, introducono al piano superiore. Il vasto magazzino è raggiungibile anche dal cortile adibito sia a parcheggio che allo scarico delle merci.

Di grande effetto visivo è la parete a doppia curvatura, realizzata in vetromattone, di protezione del vano scala che, nel piano intermedio del ballatoio, aggetta sullo spazio al piano terra dove è collocata la zona della caffetteria.

Al primo piano, gli uffici sono dislocati intorno “all’auditorium”, racchiuso entro pareti curve realizzate in mattoni a vista che creano dinamicità nello spazio dilatandone le superfici circostanti.

Porte in legno, con grandi oblò vetrati introducono nell’auditorium e nella frontale sala delle riunioni. Il solaio di calpestio del grande spazio centrale, è stato consolidato per essere adeguato all’aumento di portata determinato dalla nuova funzione della sala.

Le pavimentazioni sono state realizzate in vari colori sia al piano terra che al piano inferiore secondo le indicazioni del Feng Shui. Un pavimento tecnico, flottante in linoleum, racchiude migliaia di metri di cavi che dalla zona del CED si diramano per tutto l’edificio fino al piano superiore; ed attraverso un sistema altamente sofisticato, raggiunge e collega le postazioni di lavoro al computer di ogni operatore. Parte degli uffici, compresi quelli dirigenziali sono delimitati da pareti componibili opache ed in parte vetrate, di altezza ridotta, mentre la maggior parte delle postazioni di lavoro sono in open space, dislocate lungo le pareti perimetrali illuminate dalle finestre a nastro.

I servizi sono stati concentrati nella zona centrale e poco illuminata, a ridosso dell’auditorium. Per ottenere un maggior comfort termico, l’intradosso della copertura delle tre navate a botte è stato rivestito in pannelli termici e fonoassorbenti di sughero scanalato lasciato a vista nella tinta originale.

Un impianto Hi-Fi diffonde la musica in tutti gli ambienti, apportando un piacevole sottofondo distensivo agli operatori nelle lunghe ore di lavoro.

Elemento di relax e socializzazione è la caffetteria sita al piano terra, caratterizzata dalle pareti e dal soffitto dipinto in colore giallo ocra, con tavolini e sedute di color panna, in cui si possono gustare bevande e snack.

In primavera, nelle ore di pausa, i collaboratori possono godere del giardino pensile attrezzato con panchine, alberi e fioriere (l’unico spazio concesso ai fumatori), sito sul terrazzo del primo piano.

Dati dimensionionali di progetto:
Mq.1450
Mc. 5800
Mq. 160 Giardino pensile




Il Feng Shui entra in ufficio


Piante organizzate secondo i principi del Feng Shui
Prospetto
Sezione fattori bioclimatici
Foto della scala e dell’ ingresso in vetromattone
Parete in vetromattone per schermatura bagni
Parete curva in vetromattone per la delimitazione della sala riunione
Ingresso sala conferenze
Pavimento sopraelevato
Isolamento della volta con pannelli in sughero
Posa in opera di iglù
I° fase: consolidamento solaio auditorium
II° fase: consolidamento solaio auditorium
III° fase: consolidamento solaio auditorium



ELEMENTI DI MIGLIORAMENTO E DI BIOARCHITETTURA:

 Coibentazione termica ed acustica
Coibentazione termica ed acustica realizzata mediante il rivestimento a “cappotto interno” nell’intradosso delle volte a botte con pannelli di sughero ondulato lasciati a vista nell’ambiente aperto al primo piano.

 Collettori solari
Predisposizione per la collocazione di collettori solari per la produzione di acqua calda sanitaria.-

 Costi
Il costo della ristrutturazione, in considerazione dell’utilizzazione assai sofisticata e dei buoni materiali adottati, si è rilevato abbastanza basso.

 Feng Shui
La progettazione degli spazi lavorativi e della pavimentazione sono state impostate secondo i principi del Feng Shui.

 Giardino pensile
Realizzazione di un giardino pensile sul grande terrazzo situato a nord, con funzione di zona filtro rispetto agli altri capannoni industriali limitrofi, destinata alla pausa e alla aggregazione degli impiegati nel periodo primaverile ed estivo.

 Infissi a taglio termico
Collocazione di nuovi infissi delle finestre a taglio termico e con vetri camera. Tutti i vetri sono di sicurezza e antiurto.

 Lampade a basso consumo
Sono state adottate lampade a basso consumo o con regolazione d’intensità luminosa durante l’arco della giornata per ridurre il consumo.

 Materiali naturali
Uso di materiali naturali, biocompatibili e riciclabili: legno, mattoni in cotto, linoleum, vetro, sughero, pitture traspiranti naturali a base di latte e uovo , etc..

 Microclima depurativo
Realizzazione di microclima depurativo, rinfrescante e ossigenante dell’aria mediante la collocazione di piante depurative. Scelta di essenze particolarmente adatte alla captazione e all’assorbimento degli elementi tossici dell’inquinamento indoor (formaldeide, nicotina, anidride carbonica, etc.).

 Pavimentazione in linoleum
Realizzazione della pavimentazione del piano superiore in linoleum. Il pavimento è del tipo sopraelevato, che permettere agevolmente il passaggio dei cavi al suo interno.

 Schermature in Brises Soleil
Schermature in Brises Soleil di tutte le vetrate e finestre esposte a sud, est e ovest. (in corso d’opera).

 Schermature solari
Schermature solari con piante a sviluppo orizzontale su tiranti, ad ombreggiamento della zona destinata a parcheggi.

 Serbatoio di acqua piovana
Recupero di un serbatoio esistente di circa 7.000 litri, per la raccolta dell’acqua piovana proveniente dalle coperture e convogliata previo filtraggio con un biofiltro nell’impianto di irrigazione del giardino pensile oltre che utilizzata per lo spegnimento di eventuali incendi.

 Sicurezza
Ampliamento delle porte e delle scale antincendio e via di fuga.

 Uso appropriato del colore
Sono stati adottati colori atti a diffondere la propagazione della luce e a stimolare la concentrazione negli ambienti di lavoro. Anche le pavimentazioni sono formate da comparti multicolori per rendere gli ambienti dinamici e caratterizzare i vari settori delle attività lavorative.

 Viabilità
Creazione di un parcheggio interno al fine di ridurre (per quanto possibile) le auto parcheggiate in strada.



STUDIOBIOARCH
info@studiobioarch.it
www.studiobioarch.it

  
Italy   EU

TORNA SU