HOME     CHI SIAMO     LINK     NEWS     CONTATTACI

"Ristrutturare con delicatezza"


 2009

Questa è la ristrutturazione di una vecchia casa colonica edificata, a più riprese e per accorpamenti, sin dalla fine del 1800, e per molti anni lasciata disabitata alle inclementi intemperie del tempo. Una delle tante case dell’immenso patrimonio abitativo che formano i meravigliosi paesi dell’Italia centrale. Facciate in tufo, solai in travi di legno e pianelle, tetti rivestiti in coppi e cantine di pertinenza per la vinificazione: vocazione primaria ed antica di questi ameni luoghi.

Problemi ricorrenti di questo tipo di ristrutturazione sono: quelli statici; quelli concernenti la coibentazione dei vani abitativi per renderli più confortevoli nei mesi estivi e durante i rigidi inverni adeguandoli alle norme che riguardano il risparmio energetico; i problemi di umidità risalenti dal sottosuolo e di infiltrazioni. Tutto questo nella volontà di usare materiali naturali e traspiranti, lasciando visivamente inalterata, il più possibile,la struttura originale.

Con questo spirito si è intervenuti per migliorare la statica dell’edificio che presentava lesioni in facciata, discontinuità tra i muri perimetrali e quelli interni, polverizzazione delle malte di giunzione tra le diverse pietre che formano la struttura muraria portante e, inoltre, la presenza di alcune travi e travetti secondari della copertura del tetto risultati ammalorati. L’intervento del consolidamento della copertura è stato possibile senza doverla smantellare interamente, ma aprendovi solamente tre piccole asole di accesso. Ciò a permesso agli operatori di lavorare agevolmente sul solaio che forma il sottotetto e in totale sicurezza.

Per quanto concerne la coibentazione dei vani interni, non potendo ovviamente agire sulla pietra di rivestimento esterno si è adottato una coibentazione a “cappotto interno” mediante il rivestimento di tutte le pareti con pannelli di legno mineralizzato a buona coibentazione termica ed acustica. I pannelli sono stati montati distanziati su listelli verticali di legno fissati alle vecchie murature. Ciò a permesso di creare un’intercapedine ventilata atta anche al passaggio di canalizzazioni per tutti gli impianti, evitando l’esecuzione di dannosissime tracce sulle vecchie pareti e di mantenere all’interno dell’intercapedine gli originali e spessi intonaci eseguiti con malta di calce. Per l’applicazione dei pannelli sono stati appositamente evitati supporti metallici, ciò per non accentuare eventuali problemi dati da fastidiosi campi magnetici. I pannelli sono stati intonacati con malta di calce e tinteggiati con tinte ecologiche.

Anche l’impianto elettrico è stato eseguito in modo essenziale, evitando la formazione di anelli che possono causare campi elettromagnetici. Le vecchie travi in legno, che formano il solaio del sottotetto, sono state sabbiate per eliminare l’innaturale tinta che vi era stata applicata, e sono state trattate con impregnanti ecologici antitarlo. Così come gli elementi in cotto del sottotetto e quelli che formano la pavimentazione che hanno subito idonei trattamenti di ceratura mediante prodotti naturali e non dannosi alla salute. Per quanto riguarda la coibentazione del tetto è stata scelta la soluzione più rapida ed economica, quanto efficiente, ossia quella di ricoprire l’estradosso del sottotetto esistente con pannelli coibenti morbidi e di alto spessore.

E’ stato ripristinato il vecchio focolare a legna, che occupa ora la parte predominante del soggiorno, utilizzando i vecchi mattoni per il rivestimento. Sono state installate delle finestre in alluminio a taglio termico con finitura in legno con vetri a bassa conducibilità. È stata installata una caldaia a condensazione per uso sanitario ed eventuale uso termico. Per migliorare la ventilazione interna e il ricambio d’aria degli ambienti, e godere inoltre di una maggiore luminosità e panoramicità, sono state modificate le tre finestre che affacciano sulla deliziosa vallata trasformandole in porte/finestre dotate di balconcino minimale.

Particolare attenzione è stata dedicata al recupero delle vecchie pavimentazioni integrate con nuove pianelle in cotto eseguite a mano in fornace sita in loco. Sono state recuperate anche i coppi del manto del tetto, integrati da nuovi embrici con l’intento di alleggerire il peso della copertura.




Ristrutturare con delicatezza


Veduta della casa
Problemi Statici
Constatazione della mancanza di continuità tra parete portante perimetrale e parete trasversale
Lesione della trave  portante del tetto
Dissesti strutturali nella facciata
Polverizzazione della vecchia malta nelle facciate esterne
Pianta
Solaio di calpestio
Solaio di copertura e tetto
Sezione longitudinale
Consolidamento del solaio di calpestio
Posa in opera dei tiranti per il consolidamento delle murature perimetrali
Apertura sulla copertura di asole coincidenti con le travi lignee per il consolidamento del tetto
Consolidamento effettuato senza smantellare la copertura con apertura di alcune asole
Inserimento delle travi in ferro in coincidenza con quelle lignee esistenti
Consolidamento della trave lignea del colmo del tetto
Impermeabilizzazione della copertura e recupero parziale delle tegole esistenti
Alleggerimento della copetura con coppi originali ed embrici nuovi
Coibentazione tra copertura e sottotetto
Coibentazione del sottotetto
Coibentazione delle pareti perimetrali con pannelli in legno mineralizzato e intercapedine d'aria
Rivestimento e rettifica delle pareti perimetrali mediante pannelli di legno mineralizzato
Inserimento degli impianti elettrico e termoidraulico nell'intercapedine
Realizzazione di tramezzature in cartongesso per l'alloggio degli impianti
Inserimento di porta scorrevole per cabina armadio
Cucina realizzata con setti di cartongesso e rivestita con maioliche di Vietri
Arredamento dell'abitazione
Prospetto
La zona pranzo
La camera da letto
Il soggiorno
La zona pranzo e l'angolo cottura
.
.
Inserimento delle travi in ferro in coincidenza con quelle lignee esistenti
Posa in opera dei tiranti per il consolidamento delle murature perimetrali
Consolidamento  effettuato senza smantellare la copertura  Apertura di  asole sulla copertura
Apertura sulla copertura di asole coincidenti con le travi lignee per il consolidamento del tetto





STUDIOBIOARCH
info@studiobioarch.it
www.studiobioarch.it

  
Italy   EU

TORNA SU